L’allattamento protegge il neonato

L’allattamento al seno, oltre ad essere uno dei gesti più naturali, magici e pieni d’amore, dove la madre si trova in un contatto intimo con il neonato, rappresenta sopratutto una fonte di protezione per il nascituro.
Lo confermano i risultati su uno studio condotto in laboratorio dai ricercatori dell’Ospedale Bambino Gesù, e pubblicata su Frontiers in Microbiology.

Il neonato, attraverso l’allattamento, nei primi giorni circa cinque/sei dopo il parto, ha a disposizione una secrezione lattea di color giallastro chiamata colostro;
Rispetto al latte successivo questo e molto importante per il bambino perché più ricco di proteine, più povero di zuccheri e di grassi, il suo caratteristico colore giallo è conferito da un’abbondante presenza di carotene (precursore della vitamina A).

Attraverso l’impiego di apparecchiature e tecniche avanzate di analisi, di piattaforme di spettrometria di massa è stato possibile elaborare un elevato numero di dati, che hanno aiutato i ricercatori a comprendere aspetti ancora sconosciuti della genesi e della maturazione del microbiota intestinale nelle primissime fasi della vita.

La dottoressa responsabile di parassitologia dell’Ospedale pediatrico Bambino Gesù di Roma, spiega che, il latte materno, fornisce ai neonati nei primissimi giorni di vita una sorta di coperta di batteri ‘amici’, che funge da barriera contro l’insediamento dei batteri patogeni e protegge i nascituri dall’insorgenza di una serie di malattie.
Più in generale, conclude dicendo che :

Con questa ricerca siamo riusciti a caratterizzare l’intero profilo delle proteine presenti nel microbiota intestinale, cioè proteoma, fornendo una sorta di ‘carta d’identità’ dei batteri responsabili delle diverse attività metaboliche.Lorenza P.

Se per qualche motivo, il latte materno non è disponibile o non è sufficiente, il consiglio è quello di appoggiarsi a una banca del latte almeno per i primi giorni, piuttosto che passare direttamente a quello artificiale.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

You may use these HTML tags and attributes:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong> 

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.