Lievito in scaglie

In pochi avranno già sentito parlare del lievito in scaglie, scopriamo di cosa si tratta, come utilizzarlo e analizziamone i pro e contro. Viene consumato principalmente dai vegani per insaporirne i cibi e per assumere la vitamina B12, di cui sono carenti perché essa è contenuta nella carne rossa e nelle fonti di origine animale.

Si tratta di un lievito disidratato, quindi non può essere utilizzato per la preparazione di prodotti da forno come pane o dolci perché non è lievitante, poiché ne ha perso la capacità a causa del processo di essiccazione a cui è stato sottoposto, tale processo avviene a basse temperature per permetterne il mantenimento delle proprietà nutritive che lo contraddistinguono.

Essendo privo di zucchero e di glutine, e avendo un basso contenuto di grassi e sodio, possiamo tranquillamente inserire il lievito in scaglie come insaporitore a fine cottura nelle nostre ricette abituali, oppure crearne di nuove per dare un pizzico di fantasia in cucina.   Ricettario

Saranno numerosi i vantaggi per la nostra salute introducendo questo prodotto nell’alimentazione quotidiana, con un consumo regolare che va dai 4/6 cucchiaini al giorno, depura il fegato, può aiutare a mantenere in buona salute la flora batterica è un ottimo integratore di vitamine B, B12, ferro, amminoacidi essenziali, selenio, ed è oltre un valido aiuto per chi ha carenza di energia.

Controindicazioni
– Sconsigliato a chi è intollerante ai lieviti;
– Meno indicato per chi soffre di candida, poiché essendo un lievito, nutre il fungo, complicandone la situazione clinica;

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

You may use these HTML tags and attributes:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong> 

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.