L’acqua e i suoi effetti sull’organismo

La nostra vita e non solo, anche quella del pianeta, scaturisce dall’acqua, che è il fondamento di ogni forma di vita esistente. L’acqua dovrebbe essere l’alimento principale, essendo la bevanda più naturale e fisiologica per il nostro corpo, che ne è composto da circa il 65%.

Oltre ad avere un’importanza basilare per la nostra idratazione, apporta numerosi benefici:

  • Elimina le tossine dannose che accumuliamo quotidianamente;
  • Mantiene la pressione osmotica;
  • Regola la temperatura corporea, aiuta a disperdere il calore attraverso la sudorazione, così facendo evita danni gravi al nostro corpo;
  • Trasporta i nutrienti che servono al nostro organismo;

L’acqua sta alla base di ogni sano regime alimentare e dietetico, ne va consumato almeno un litro e mezzo al giorno (preferendo quella naturale a quella gasata), per raggiungere un livello ottimale di idratazione dell’organismo. Cosi facendo si riuscirà ad aumentare il senso di sazietà, di conseguenza ridurre l’apporto di calorie.
Anche la sua funzione di eliminare le tossine, eliminare l’acqua in eccesso, e a regolarizzare l’intestino ci aiuta a favorire la perdita di peso corporeo.

Nell’antichità alcuni medici naturalisti, somministravano acqua calda ai loro pazienti a scopo terapeutico, in quanto convinti che, essa possedeva tutti gli elementi curativi, essendo, la madre di tutto ciò che esiste.

Oggi, si riscoprono i benefici attraverso la medicina ayurvedica, che ci consiglia di consumarla, calda, durante l’intero arco della giornata; farla bollire in precedenza per 15/20 minuti e conservarla in un thermos per mantenerne la temperatura.

L’acqua bollita ha effetti benefici molto potenti sia a livello fisico che psichico, perché bollendo cambia le sue proprietà molecolari, perde la propria memoria e diventa leggera, in grado di ripulire i canali delle tossine ed equilibrare il processo digestivo, elimina le scorie che si formano nel tratto gastrointestinale e nel corso del metabolismo, come alcol, prodotti di fermentazione e putrefazione, tra le cause maggiori di indebolimento dei tessuti e malattie.

Con l’assunzione dell’acqua bollita si attenuano dolori alla nuca, schiena e articolazioni, spariscono disturbi intestinali, stipsi e flatulenze e riduce il senso di fame e calma gli effetti del digiuno, come nausea e mal di testa.

A livello psichico sorseggiare l’acqua calda ha un effetto calmante e stabilizzante.

Molto importante seguire questa pratica almeno per 3 settimane, sopratutto in primavera, (ma si può bere anche durante tutto l’anno) preferendo per questo trattamento l’acqua oligominerale.

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.